Ubi ego sum – Istallazione Artistica – Sentiero espositivo “coltiva l’arte”

Circa un anno fa è nato un progetto ambizioso, che aveva lo scopo di recuperare alcuni terrazzamenti in Valverta e più precisamente nell’Alta via del Tabacco (Valstagna, provincia di Vicenza), che fino a pochi anni fa venivano usati per coltivare il tabacco. L’associazione “Adotta un terrazzamento”, al fine di mantenere integra la memoria di quei luoghi, ha dato via ad una selezione di artisti per recuperare alcuni di questi terrazzamenti. Sono stato coinvolto in questa iniziativa e con entusiasmo ho deciso di realizzare un’istallazione artistica che prevedesse la messa a dimora, in un terrazzamento piuttosto ampio, di funghi, coccinelle e formiche. Il risultato è quello che vedrete nella galleria. L’istallazione è permanente e pertanto visitabile tutto l’anno; per maggiori informazioni potete visitare la pagina del sito facebook “Sentiero espositivo coltiva l’arte”

Per vedere le istallazioni dal vivo bisogna impostare il navigatore su Valstagna (provincia di Vicenza) e prendere Via Col di Mezzo Rigo e proseguire quasi fino alla fine della via. Vi imbatterete a quel punto in un cartello che segnala l’inizio del percorso espositivo.

https://goo.gl/maps/w6vgbHVMvFFoMkkn7

Ubi Ego Sum

Dove mi trovo?
L’idea era quella di allargare quelle maglie che fanno da cerniera tra la realtà e il sogno.
Un intervento artificiale, ma che fosse contestuale al luogo e naturale allo stesso tempo. Funghi, coccinelle e formiche. Tutto fatto con materiali di recupero e senza alcun tipo di finitura a protezione. L’idea è che l’installazione muti come muterà il luogo in cui ha dimora e quando la natura deciderà di riprendersi tutto sarà suo diritto farlo; noi non siamo i proprietari della bilancia, ma siamo sul piatto con tutti gli altri abitanti della terra. E questa istallazione è per tutti, non solo per la specie umana.